Opere inedite in galleria: installazioni, fotografie, disegni e video

Oggi sono andata a visitare uno spazio espositivo davvero rilevante della città di Milano e di respiro internazionale che vorrei vivamente consigliarvi di conoscere.

Si tratta di una galleria d’arte molto speciale, posta su tre livelli di strada che porta in mostra il tema dell’assenza e la sua rappresentazione. La Galleria Raffaella Cortese strutturata su tre spazi espone Barbara Bloom artista che vive e lavora a New York e l’ americana Joan Jonas.

211F8C89-F1EE-4DCD-BC8ADD54F9820944

Barbara Bloom, The Weather, 2015. Photo: Lorenzo Palmieri
Courtesy: Galleria Raffaella Cortese, Milano

Una costante di ricerca e indagine nel lavoro di Barbara Bloom per quasi 40 anni sono i legami tra il visibile e l’invisibile. Impronte digitali, tracce di rossetto, filigrane, macchie di tè, impronte di passi, testi invisibili, cancellature, depennamenti, Braille ed ellissi… sono le sue forme e i suoi oggetti preferiti. Un aspetto altrettanto incisivo del lavoro di Barbara Bloom è rappresentato dal suo rapporto con la letteratura e con i testi dei suoi autori preferiti che vengono utilizzati come “portatori di senso” e di cui l’artista Bloom realizza delle vere e proprie citazioni nelle sue opere. Più volte ha dichiarato che avrebbe potuto essere una scrittrice, probabilmente una romanziera, ma in qualche modo è finita a fare la cosa sbagliata (e ha involontariamente “accettato” di essere un’artista visiva).

La mostra coinvolge due dei tre spazi espositivi della galleria.

Nello spazio n.7,

030A7C74-276C-47F8-B5AAA3049681DA75

in ordine cronologico, si trovano sette tappeti di una tonalità grigio-verdeacqua che aleggiano in bilico a diverse altezze dal pavimento. Ogni tappeto presenta sulla sua superficie un pattern di punti in rilievo che formano un testo in Braille. L’artista ha deciso di utilizzare testi descrittivi che accentuassero la complessità e la malinconia nella “lettura” dell’opera: un cieco dalla nascita, infatti, pur comprendendo il testo non potrà avere un’immagine visiva di ciò che il testo descrive; una persona vedente, invece, non leggendo il Braille, potrà semplicemente osservare l’oggetto. Gli scritti che Bloom ha scelto sono una vasta gamma di descrizioni del tempo e delle condizioni atmosferiche, ossia un qualcosa che influisce su tutti noi e che tutti noi possiamo percepire. Appartengono a diversi autori e sono dunque trattati con stili diversi: Raymond Chandler, André Gide, James Joyce, Gabriel Garcia Marquez, Cormac McCarthy, Haruki Murakami, in più, un riferimento autobiografico nella descrizione delle statistiche meteorologiche di Los Angeles l’11 luglio, 1951 alle 2am (il suo luogo e data di nascita).

Le opere sono inedite, concepite e realizzate appositamente per la galleria d’arte.

Nello spazio n.1

è esposta la serie fotografica Works for the Blind. Ogni lavoro è la fotografia di un’illusione e su ognuno è riportata una frase in Braille. La stessa frase è anche stampata, bianco su nero, a parole ma nelle dimensioni piccolissime e illegibili di un francobollo. Le immagini e i testi (di Wittgenstein, Barthes, o Dorothy Sayers) fanno riferimento alla difficoltà di vedere le cose per quello che sono realmente.

C341C242-2965-4867-AFEC1C53735BFF83

Barbara Bloom, Works for the blind, 2015. Photo: Lorenzo Palmieri. Courtesy: Galleria Raffaella Cortese, Milano

“Pochissime persone saranno in grado di leggere l’opera nella sua completezza.”

I vedenti potranno osservare la fotografia dell’illusione (anche se non comprenderanno com’è stata realizzata), ma la maggior parte non percepirà il senso del testo, troppo piccolo da leggere; i non vedenti, invece, potranno leggere il testo (il plexiglass è tagliato in corrispondenza del testo in Braille, che può essere toccato), ma non potranno osservare la fotografia. L’unica cosa chiara è che ognuno di noi è cieco.

In questo spazio è esposta anche la serie fotografica Eyes Closed. Bloom ha passato molto tempo nelle sale cinematografiche del mondo, per cui gran parte dei film che ha visto erano sottotitolati e quelle parole erano sempre approssimazioni inadeguate dei dialoghi.

Nello spazio n. 4

in mostra la seconda  personale in galleria dell’ artista americana Joan Jonas, pioniera riconosciuta della performance e del video a partire dagli anni ‘60.

150C4043-3E52-4839-9C1C5BC73948BBE3

Joan Jonas, In The Trees, 2015. Photo: Lorenzo Palmieri. Courtesy: Galleria Raffaella Cortese, Milano

Sperimentatrice instancabile, Jonas esplora le possibilità insite nella natura interdisciplinare dell’arte. Le opere più recenti di Joan Jonas si concentrano principalmente sulla fragilità della natura e il suo rapporto con la dimensione umana. Nelle sue installazioni, video e performance, nulla è semplicemente descritto, ma piuttosto evocato attraverso i sensi.

“Anche se l’idea del mio lavoro riguarda la questione di come il mondo stia così rapidamente e radicalmente cambiando, non analizzo il soggetto direttamente o in modo didattico. Piuttosto, le idee sono evocate poeticamente attraverso i suoni, le luci e l’accostamento di immagini di bambini, animali e paesaggi.”

La mostra in galleria vuole rendere omaggio al riconoscimento internazionale che Joan Jonas ha avuto in quest’ultimo periodo: dalla sua grande mostra itinerante Light Time Tales, presentata inizialmente all’Hangar Bicocca di Milano e ora in mostra alla Malmö Konsthall, alla sua straordinaria installazione nel Padiglione degli Stati Uniti alla Biennale di Venezia. 

INFORMAZIONI PER VISITARE GLI SPAZI ESPOSITIVI

Galleria Raffaella Cortese

Barbara Bloom, The weather, via A.Stradella 7, MILANO

Barbara Bloom, Works for the Blind,  via A.Stradella 1, MILANO

Joan Jonas, In the Treesvia A.Stradella 4, MILANO

In mostra fino al 27 febbraio 2016

orari: martedì – sabato h. 10.00-13.00 | 15.00-19.30 e su appuntamento

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...