In mostra i progetti realizzati sull’Isola Comacina durante le residenze d’artista

IN INSULA 2014 – 2015

La mostra In Insula 2014 – 2015 organizzata dall’Accademia di Belle Arti di Brera e dalla Fondazione Isola Comacina.

29 gennaio – 6 febbraio 2016
Ex Chiesa di San Carpoforo

 

SAN-CARPOFORO

Laboratorio di Comunicazione militante. Fabbrica di Comunicazione – Festa dell’occupazione. Facciata della chiesa e gonfiabile – 20 novembre 1976 – Ex Chiesa di San Carpoforo – photo Fabio Cirifino – courtesy Studio Azzurro

La mostra, a cura di Marco Pellizzola, propone un racconto unitario delle diverse esperienze e attività artistiche che si sono svolte negli anni 2014 e 2015 sull’Isola Comacina, nate dalla collaborazione tra Accademia e Fondazione.

L’Isola ha rappresentato per secoli un luogo di ispirazione per artisti, poeti e intellettuali possiede infatti un patrimonio archeologico, artistico, architettonico e paesaggistico di rara bellezza. Affidata dal Re del Belgio alla Fondazione omonima, di cui fa parte l’Accademia di Brera. Alla fine degli anni ’30 del 1900 l’architetto Lingeri progettò tre Case per Artisti in stile razionalista in cui l’Accademia e le rappresentanze Belghe delle Fiandre e della Vallonia ospitano annualmente artisti in residenza.

Oltre alle residenze, l’Isola si presta ad accogliere ed ispirare progetti artistici e culturali ad ampio spettro, che spesso indagano il particolare rapporto tra arte storia e natura, incarnato dall’Isola stessa. Il percorso espositivo si snoda quindi tra le Residenze d’Artista, le opere del ciclo InterNature curato dalla Scuola di Scultura e lo spettacolo itinerante Alcina organizzato dalla Scuola di Scenografia.

Contestualmente alla mostra, l’Accademia ha istituito una collezione che, anno dopo anno, andrà arricchendosi delle opere donate dagli artisti residenti. Ad oggi, la collezione raccoglie opere di: Marco Bucchieri, Marta Colombo, Pietro Finelli, Luca Ghirardosi, Teresa Iaria, Cosmo Laera, Alice Pedroletti, Geremia Renzi, Davide Tranchina, Pietro Weber, Alberto Zamboni.

Il fil rouge è quindi sempre l’Isola Comacina in persona, la cui presenza è a volte manifesta ed evidente, come in alcune opere fotografiche, a volte più celata o metaforica, nelle opere ispirate alle suggestioni e al fascino misterioso dell’Isola.
29 gennaio 2016 – 6 febbraio 2016

Ex Chiesa di San Carpoforo,

Via Formentini 10 – 20121, Milano

dal lunedì al venerdì 9.00 – 18.30, sabato 9.00 – 13.30

Ingresso gratuito

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...