La rassegna cinematografica a Gallerie d’Italia: proiezione di un film e zoom su un’opera d’arte di Hayez

Rassegna cinematografica in occasione della mostra “Hayez”

download

Numerosi sono i riferimenti alle arti visive nel cinema di ieri e di oggi. E’ in corso a Milano dall’8 novembre al 21 febbraio 2016, alle Gallerie d’Italia una rassegna cinematografica a ingresso libero dedicata a Francesco Hayez, in occasione della grande mostra monografica sul pittore per eccellenza del Rinascimento italiano che presenta alcuni film che hanno guardato indubbiamente alla sua pittura.

Molti gli autori del cinema che  si sono ispirati sul piano estetico alla pittura di Hayez e ai temi del Romanticismo e del Risorgimento. Classici d’autore e film della nuova generazione di cineasti trovano posto l’uno accanto all’altro nella rassegna dove ogni titolo in programmazione è stato abbinato ad un’opera dell’artista ottocentesco.

Alcune delle pellicole in programma che si possono vedere sono il neorealista Senso di Luchino Visconti, i cui riferimenti pittorici sono tanti, dove si rasenta il cosiddetto effetto quadro a cui è stata associato il famoso Bacio di Hayez, di cui la mostra riunisce per la prima volta le tre versioni; Noi credevamo, il film diretto da Mario Martone nel 2010 con le sue tematiche storiche risorgimentali, trova la sua corrispondenza nel Ritratto di Cristina  Belgioioso Trivulzio. Il Romeo e Giulietta di Zeffirelli non poteva trovare corrispondenza se non ne L’ultimo addio di Giulietta a Romeo. Il film Il vangelo secondo Matteo di Pierpaolo Pasolini è associato al quadro Ecce Homo.

Proiezione di un film e zoom su un’opera d’arte
 PROGRAMMADomenica 8 novembre h 15 / Giovedì 14 gennaio h 18

Senso

R.: Luchino Visconti. Sc.: L. Visconti, Suso Cecchi d’Amico, dal romanzo omonimo di Camillo Boito. Int.: Alida Valli, Farley Granger, Massimo Girotti, Rina Morelli. Italia, 1954, 121’.

A Venezia, in epoca di irredentismo (anni ’60 dell’800), la contessa Serpieri si innamora di un ufficiale austriaco e ne diviene l’amante. Per lui è disposta a tutto, ma quando scopre la meschinità dell’uomo ne denuncia i tentativi di diserzione, per i quali l’ufficiale sarà giustiziato.

Abbinato al quadro Il bacio (n. 143)

Giovedì 7 gennaio ore 18 / Domenica 21 febbraio h 15

Malombra

R.: Mario Soldati. Sc.: M. Soldati, Renato Castellani, Mario Bonfantini, Ettore Maria Margadonna, Tino Richelmy, dall’omonimo romanzo di Antonio Fogazzaro. Int.: Isa Miranda, Andrea Checchi, Irasema Dilian, Gualtiero Tumiati. Italia, 1942, b/n, 132’.

Vivere da segregati in una villa sul lago (in questo caso, di Como) può creare turbe profonde. Così, la protagonista, Marina di Malombra, si immedesima sempre di più in una zia morta suicida e, per vendicarla, precipita in una spirale di violenza che conclude togliendosi la vita.

Abbinato al quadro Autoritratto a sessantuno anni (n. 148)

 

Domenica 15 novembre h 15 / Domenica 7 febbraio h 15

Il vangelo secondo Matteo

R. e sc..: Pier Paolo Pasolini. Int: Enrique Irazoqui, Susanna Pasolini, Francesco Leonetti, Natalia Ginzburg, Ninetto Davoli, Alfonso Gatto, Enzo Siciliano. Italia, 1964, 137’.

(…) Con grande stupore di coloro che mi avevano condannato per vilipendio contro la religione, feci Il vangelo secondo Matteo, che è caduto negli anni del pontificato di Giovanni XXIII, e a lui venne dedicato, ed è stato una specie di concreto atto di dialogo e di rapporto fra un comunista, seppure non iscritto al partito, e le forze più avanzate del cattolicesimo italiano. (P.P.P.)

Abbinato al quadro Ecce Homo (n. 052)

Domenica 24 gennaio h 15

Romeo e Giulietta

R.: Franco Zeffirelli. Sc.: F. Zeffirelli, Franco Brusati, Masolino d’Amico. Int.:Leonard Whiting, Olivia Hussey, Michael York, John McEnery. Italia, 1968, 138’.

Con un cast quasi interamente anglosassone, giovanissimo e sconosciuto, Zeffirelli affronta questo adattamento shakespeariano con l’idea di portare nella Verona del XVI secolo lo spirito beat della Swinging London. Premio Oscar 1969 per Miglior Fotografia e Migliori Costumi Bella, celebre colonna sonora di Nino Rota.

Abbinato al quadro L’ultimo addio di Giulietta a Romeo (n. 069)

Domenica 22 novembre h 15 / Giovedì 18 febbraio h 18

Noi credevamo

R.: Mario Martone. Sc.: Giancarlo De Cataldo, Mario Martone. Int.: Luigi Lo Cascio, Toni Servillo, Luca Zingaretti, Valerio Binasco, Francesca Inaudi. Italia, 2009, 170’.

Il film racconta la storia della vita e delle passioni di tre patrioti italiani, sventati e romantici. Ma attraverso le loro vicende, ciò di cui si parla sono i quarant’anni di storia patria (dal 1830 al 1870) che hanno portato alla nascita dello stato italiano. Intrighi, lotte, congiure, nobiltà, ideali in un maestoso affresco del XIX secolo, ambientato tra il nostro paese, la Francia e l’Inghilterra.

Abbinato al quadro Ritratto di Cristina Belgioioso Trivulzio (n. 063)

Giovedì 26 novembre h 18 / Domenica 31 gennaio h 15

Waterloo

R. e sc.: Sergej Bondarchuk. Int.: Rod Steiger, Christopher Plummer, Orson Welles, Jack Hawkins. Italia/URSS, 1970, 135’.

Napoleone viene costretto all’esilio elbano mentre a Parigi s’insedia sul trono Luigi XVIII. Ma il maresciallo Ney, suo vecchio compagno d’armi, che avrebbe l’ordine di arrestarlo, si fa prendere dall’entusiasmo e lo accoglie nuovamente come il vero imperatore. Quindi Napoleone rientra trionfalmente a Parigi, mentre Luigi XVIII scappa e tutte le potenze europee si mettono di nuovo in allarme. Ma Lord Wellington lo sconfigge definitivamente a Waterloo.

Abbinato al quadro Napoleone I distribuisce le decorazioni dopo la battaglia di Wagram (n. 061)

Domenica 29 novembre h 15 / Giovedì 28 gennaio h 18

I Promessi Sposi

R.: Mario Camerini. Sc.: M. Camerini, Ivo Perilli, Gabriele Baldini. Int.: Gino Cervi, Dina Sassoli, Enrico Glori; Italia, 1941, 115’.

Il film ripercorre fedelmente le pagine del grande romanzo di Alessandro Manzoni, cominciando con l’intimazione dei bravi a don Abbondio di non celebrare il fatidico matrimonio. Continuando poi con la fuga dal paese, la conversione dell’Innominato, la rivolta, la peste e, quindi, le nozze.

Abbinato al quadro Ritratto di Alessandro Manzoni (n. 099)

Domenica 10 gennaio h 15 / Giovedì 4 febbraio h 18

Piccolo Mondo Antico

R.: Mario Soldati. Sc.: Mario Bonfantini, Emilio Cecchi, Alberto Lattuada, M. Soldati, dall’omonimo romanzo di Antonio Fogazzaro. Int.: Alida Valli, Massimo Serato, Mariù Pascoli. Italia, 1941, 106’.

Prima metà del XIX secolo, Lombardia austriaca. Franco Maironi, patriota, sposa Luisa Rigey contro il volere della nobile e arcigna nonna, che lo disereda. Dal matrimonio nasce Ombretta, che poco dopo annega. La mamma si chiude nel dolore e soltanto quando il marito parte volontario per la guerra di Crimea ritrova il suo equilibrio.

Abbinato al quadro Autoritratto in un gruppo di amici (n. 045)

Domenica 17 gennaio h 15 / Giovedì 11 febbraio h 18

Gli amori di Astrea e Celadon

R. e sc.: Eric Rohmer. Int.: Andy Gillet, Stéphanie Crayencour, Cécile Cassel, Véronique Reymond. Fr./Sp./It., 2007, 109’.

La pastorella Astrea e il pastore Céladon si amano di un amore innocente e puro e si sono promessi eterna fedeltà. Tuttavia, un malvagio pretendente di Astrea le fa credere che Céladon l’abbia tradita e lei, delusa e arrabbiata, intima all’innamorato di non farsi più rivedere. Disperato, il ragazzo si getta da una rupe per togliersi la vita ma viene salvato da alcune ninfe che decidono di tenerlo con loro a patto che non riveda più Astrea. Céladon, deciso a riconquistare l’amore e la fiducia della donna amata, per riuscire nell’impresa, sarà costretto a superare sotto mentite spoglie una serie di prove.

Abbinato al quadro Betsabea al bagno (n. 079)

Giovedì 21 gennaio h 18 / Domenica 14 febbraio h 15

Nostos – Il ritorno

R., sc., fot., suono e mont: F. Piavoli. Collaborazione artistica: Neria Poli.Int.: Luigi Mezzanotte, Giuseppe Marcoli, Alex Carozzo, Nicola Colella, Davide Forghieri, Alessandra Agosti, Ginevra Alighieri, Neria Poli. Italia, 1989, 87’.

In un luogo e in un tempo fuori dalla storia, sospesa in una dimensione mitica, il viaggio irto di pericoli e prodigo di rivelazioni di Nostos, che, come Ulisse, prende il mare per far ritorno a casa.

Abbinato al quadro Ulisse alla corte di Alcinoo (n. 007)

 

Rassegna cinematografica in occasione della mostra Hayez.
In collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana.
La proiezione è preceduta da una breve visita guidata ad un’opera esposta in mostra.

GALLERIE D’ITALIA PIAZZA SCALA

MILANO, Piazza della Scala, 6

N. verde 800.167619

domenica , h. 14:30

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
La prenotazione è consigliata al numero 800.167619 o scrivendo a info@gallerieditalia.com.
Non si accettano prenotazioni in sede.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...