Andrea Iacovacci: 8 lati

il

Nella giovane e dinamica galleria trasteverina hanno esposto fin’ora tutti artisti che per vivere fanno un altro mestiere, alcuni autodidatti, altri no. Così si sono susseguiti il chimico Giorgio Giardina, l’architetto Kathia Virgilio e la restauratrice Margherita Massimino. Questa è la volta di un attore e artista romano emergente, Andrea Iacovacci, che presenta qui la sua prima personale “8 Lati”.

8 sono i lati di un ottagono, 8 è il numero dei pianeti che compongono il nostro sistema solare, il numero 8 indica anche l’ottavo giorno che secondo i Padri della Chiesa sarebbe stato il giorno della resurrezione. Simbologie vagamente esoteriche animano l’immaginario dell’artista che trova completa espressione in questa serie di opere. Andrea Iacovacci è un artista autodidatta e “di riflesso”.  Il giovane artista emergente riceve l’amore per la pittura dalla madre, pittrice autodidatta anch’ella ma ostacolata in questa passione. Grazie alla madre che sin da bambino lo lasciava libero di giocare con la sua tavolozza di colori a olio, Andrea sviluppa un particolare interesse per l’alchimia della pittura.

L’ottagono, segno che rappresenta il punto di congiunzione tra i Cieli e la Terra, è un elemento a cui Iacovacci vuole conferire concretezza d’oggetto. Per questa ragione fabbrica lui stesso alcune intelaiature con grande accuratezza artigianale.
In questa serie di ottagoni l’artista elabora una propria cosmologia trattando ogni tela come immagine fisica dei pianeti, al cui interno si legano passioni, tormenti e attrazioni connaturate nell’artista che attraverso la pittura trovano libera espressione.
Quello di Iacovacci diventa un gioco di sfida in cui invisibili fili di legame vengono tessuti in una ragnatela a forma di ottagono in cui percorrono le molteplici direzioni influssi planetari, particelle invisibili di materia stellare, terrestre, acquosa e aerea, rappresentati simbolicamente dai pianeti. Il mare è un luogo simbolico molto significativo per l’artista, così anche il sole e il buio. Nel paradosso esistenziale di Andrea le sue esperienze vissute e la sua vivace creatività lo rendono un autodidatta forse inaffidabile, forse temporaneo. Questa rimane una scommessa.

La mostra sarà visitabile dal 16/4/2015 al 8/5/2015

Orario: mart-sab 12-19. Ingresso libero

Indirizzo: Trastfactory Gallery
via Goffredo Mameli, 13 Roma

Info: 06 97881368

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...