Handmad(e)s Festival. INGRESSO LIBERO

il

Nella suggestiva location della Casa Della Cultura all’interno del parco di Villa De Sanctis, cinque giorni dedicati alla cultura D.I.Y. (do it yourself) vissuta e raccontata nelle sue molteplici declinazioni. Il festival HANDMAD(e)S approfondisce e divulga in maniera diretta le storie ma soprattutto le forme attuali dell’autoproduzione culturale: lo fa attraverso workshop, incontri, tavole rotonde, concerti, performance, installazioni e proiezioni cinematografiche.

HANDMAD(e)S, promosso dal Circolo Culturale DALVERME, realizzato con il contributo della Regione Lazio, del Comune di Roma e del Municipio V sarà un festival dinamico, ad ingresso gratuito. Tanti gli artisti del panorama italiano e internazionale presenti nella rassegna: il mostro sacro del free jazz Peter Broetzmann, sassofonista accompagnato per l’occasione da Steve Noble alla batteria; Valerio Tricoli, compositore e performer di musica elettroacustica tra i più acclamati in Europa; il britannico Roly Porter, maestro nel combinare musica elettronica, classica, ambient/noise e atmosfere da colonna sonora; il set Audio/Video di TEATRINO ELETTRICO creato per l’occasione insieme all’artista ANDRECO; gli (A)spect, manipolatori di nastri ed originali interpreti della musica concreta.

Ogni giorno, alle ore 20, verranno proiettati film indipendenti del panorama internazioale: documentari sulla vita di artisti e musicisti il cui lavoro e produzione artistica sono sempre stati strettamente connessi al D.I.Y., così come le stesse pellicole, girate, prodotte e distribuite in modo indipendente dagli autori. Scopriremo insieme retroscena e dettagli di personaggi quali il folle e creativo Daniel Johnston, il misterioso Jandek, il padre dell’american primitive guitar John Fahey, la percussionista scozzere Evelyn Glennie affetta da sordità fin da tenera età. E al loro fianco, un documentario sul lavoro di un ONG indipendente norvegese e le sue bizzarre battaglie ecologiste a “luci rosse”: Fuck For Forest.

Il pubblico avrà la possibilità non solo di assistere a concerti e proiezioni ma anche di prendere parte a workshop ed incontri pomeridiani per addentrarsi in quelle che sono le forme attuali, le difficoltà e le prospettive del do it yourself : Franz Rosati racconterà il software opensource e il DIY applicato alla produzione audio e video, Simone Pappalardo si cimenterà nella costruzione di installazioni sonore analogiche approfondendone gli aspetti tecnici ed estetici; da non perdere la tavola rotonda tra Etichette indipendenti italiane, i workshop su stampa serigrafica e sull’ editoria indipendente di fumetti.

Il D.I.Y., sigla nata all’interno della cultura punk ad indicare una vera e propria etica antagonista in opposizione alle logiche di distribuzione e produzione del mercato editoriale e discografico dell’epoca, ha successivamente invaso, con declinazioni differenti e legate anche alle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie, tutti i campi culturali ed artistici. Il do it yourself è una scelta creativa che permette di seguire per intero la produzione e la distribuzione delle proprie opere, anche grazie a forme di collaborazione e socialità alternativa. Dunque una rivendicazione di autonomia artistica ed un modo di comunicazione diretta delle proprie idee. Questo è il filo conduttore di HANDMAD(e)S, festival che coinvolge e da spazio a quelle realtà artistiche che portano avanti esperienze produttive indipendenti.

venerdì 26 dicembre

ore 17
Workshop
a cura di Teatrino Elettrico:
IL SUONO RICICLATO
Laboratorio di Sonorizzazione e Studio dell’Oggetto

ore 20
Proiezione
Touch the Sound: A Sound Journey with Evelyn Glennie
di Thomas Riedelsheimer
(Ger, 2004 – V.O.)
Documentario sulla percussionista classica Evelyn Glennie, affetta da sordità, e una sua performance insieme al musicista britannico Fred Frith.

ore 22
Live
ANDRECO e TEATRINO ELETTRICO
Polyhedron Theory
Progetto audio-video nato dalla collaborazione tra il duo di assemblatori/riciclatori elettronici Teatrino Elettrico e l’artista multidisciplinare Andreco,

sabato 27 dicembre

ore 16
Workshop
a cura di Simone Pappalardo
Electromagnetic Fields Feedback
Campi elettromagnetici, strumenti elettronici da materiali di recupero, feedback.
Costruzione di installazioni sonore basate su suoni e materiali di riciclo

ore 20
proiezione
FUCK FOR FOREST
di Michal Marczak (Pol, 2012 – V.O.)
Documentario sulla bizzarra battaglia ecologica “a luci rosse” portata avanti da una ONG Norvegese.

ore 22
Live
PETER BROETZMANN (D) / STEVE NOBLE (UK)
Incontro tra il sassofonista tedesco e il batterista britannico, esponenti fondamentali della scena Free Jazz contemporanea, insieme sullo stesso palco per presentare il loro lavoro in Duo.
opening act:
Simone Pappalardo / Tiziana Lo Conte Duo

domenica 28 dicembre

ore 16
Incontro / Dibattito
ETICHETTE INDIPENDENTI
Promozione, Distribuzione e affari loschi nella scena musicale D.I.Y.

ore 20
proiezione
JANDEK ON CORWOOD di Chad Freidrichs (USA, 2003 – V.O.)
Documentario sul misterioso musicista folk americano Jandek

ore 22
Live
VALERIO TRICOLI (PAN)
Uno dei piu importanti compositori e performer di musica elettroacustica e concreta: finalmente a Roma, dopo il suo capolavoro Miseri Lares uscito per la tedesca PAN.
opening act:
FILIPPO SCORCUCCHI (Love Blast)

lunedi 29 dicembre

ore 16
EDITORIA INDIPENDENTE E FUMETTI
Incontro con MAICOL & MIRCO / LUCCIOLA

ore 20
proiezione
THE DEVIL And DANIEL JOHNSTON di Jeff Feuerzeig (USA, 2005 – v.o. sub ita)
Documentario sulla vita del fantomatico songwriter americano Daniel Johnston

ore 22
Live
(A)SPECT feat. 70FPS
Strumenti acustici e pellicole si incontrano in questo live Audio/Video nel quale la manipolazione e l’interazione tra suono e luce arriva a cancellare i confini tra immagine e “colonna sonora”

ESTASY (Acéphale)
Maschere che rimandano ad antiche liturgie e una musica che unisce simbolismo, mitologia, pratiche esoteriche e profonda immaginazione in un viaggio verso l’arcaico.

martedi 30 dicembre (in collaborazione con Flussi

ore 16
Workshop
a cura di Franz Rosati
Digital D.I.Y.
Liuteria digitale per il suono e per le immagini

ore 20
proiezione
In Search of Blind Joe Death – The Saga of John Fahey di James Cullingham (Can, 2013 – V.O. sub Ita)
Documentario del regista canadese James Cullingham tributo al padre dell’American Primitive Guitar.

ore 22
Live
ROLY PORTER (UK / Subtext)
Tra musica classica, composizioni contemporanee e Sound Design: il musicista britannico a Roma per presentare il suo ultimo lavoro
Life Cycle of a Massive Star accompagnato da video di James Ginzburg (Emptyset)
opening act:
FRANZ ROSATI (Nephogram Editions)

workshop, incontri, tavole rotonde, concerti, performance, installazioni e proiezioni cinematografiche con ingresso libero.
26/27/28/29/30 DICEMBRE
dalle 16:00 alle 24:00

DALVERME Circolo Culturale con il contributo della Regione Lazio, del Comune di Roma e del Municipio V presenta
HANDMAD(e)S FESTIVAL

Indirizzo: CASA DELLA CULTURA – VILLA DE SANCTIS
Via Casilina 665 – Roma
dalle 16:00 alle 24:00
ingresso gratuito

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...