“I Raggi della Ruota”. Una mostra essenziale ispirata dalla filosofia orientale.

il

Colui che sa non parla. ( Tao Te King)

Molte cose vengono fatte e molte si vorrebbero fare… poi ci sono quelle che si farebbero ma non si fanno…in ormai molto tempo di vita l’unica certezza è la consapevolezza dell’immensità della conoscenza e della pochezza del sapere. In questa mostra l’artista, Fabio Piscopo, ha cercato di mostrare questo: uno spirito di inquietudine che cerca di mettere ordine ricercando dettagli quasi impercettibili.

In questi ultimi anni ha vissuto con intensità ogni ora di ogni giorno, ha vissuto molto a contatto con la semplicità di una vita senza ossessioni ma con la consapevolezza del dramma quotidiano. Le tele che si poneva davanti lo turbavano e lo schiacciavano per le problematiche che avrebbe dovuto affrontare, consapevole che tutto era da ricostruire,da fare. Il Vuoto. La massima di LAO TZE (Lao Zi) “I raggi della ruota sono numerosi ma è il vuoto che c’è nel mezzo che fa andare avanti il carro”…. Molte volte questa frase gli è ritornata,in questi ultimi anni, nella mente e,molte volte, ha cercato di far molto dal nulla o dal poco ma è questa la grande difficoltà, vorrebbe lavorare da dilettante e non ci è, se non in piccolissima parte, riuscito.

In ogni tempo le sue figure sono state pretesti per dipingere,scolpire,modellare,incidere,graffiare,non esser solo a parlare. Piccole variazioni grafiche e tematiche,quanto coloristiche lo hanno portato nella dimensione della musica dove una variazione di nota crea una nuova sinfonia. Il suo interesse va a tutto ciò che riguarda l’uomo e soprattutto lì dove ribollono passioni, amori, odio. Niente cose strane o filosofiche ma solo vita quotidiana e con essa tantissimi sentimenti. Tutto un mondo di sentimenti. E la poesia di Joan Brossa. Passa un uomo. Un uomo starnuta. Il divano. La foresta. La colazione. Una sedia. Delle pentole.

La luna. Un uomo che muore. Notte:

Oltre lo spazio visibile brilla una innumerevole moltitudine di mondi

simili al nostro.

Tutti si muovono e girano.

Trentasette milioni di terre. Nove milioni cinquecento mila lune.

Penso con timore a distanze incalcolabili e

a milioni di globi morti

attorno a soli già estinti.

Medito sull’orgoglio.

Che succede aldilà degli astri?

Il suolo è bagnato.

Una signora abbraccia una bambina.

Oggi il pranzo era eccellente.

Al muro c’è appeso uno specchio…

Fabio Piscopo

Inaugurazione: mercoledì 21 maggio, ore 18.00.

La mostra sarà visitabile fino al  2/6/2014. Orari: lun-ven 15-19. Ingresso libero
Indirizzo: Galleria Vittoria
via Margutta, 103 Roma

Per info: 06 36001878

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...