“Uno Sguardo su Fayyum”. Ritratti di Al Fayyum di Carlo Bevilacqua

il

 

 

Il percorso espositivo si apre presentando i suggestivi Ritratti di Al Fayyum di Carlo Bevilacqua, una rivisitazione dei dipinti su tavoletta di legno eseguiti in Egitto nell’epoca romana tra il I e il III secolo dopo Cristo raffiguranti i volti delle mummie.
“Con una personale interpretazione – racconta Carlo Bevilacqua – ho intrapreso l’avventura pittorica su quei ritratti, affascinato sia dalla empatia creatasi fra loro e me, sia per sperimentare la tecnica dell’encausto su tavola, che così bene aveva permesso loro di invecchiare, senza però che perdessero l’autenticità e la veridicità che traspare dai loro sguardi, nelle ricche e ingioiellate acconciature femminili o nelle capigliature maschili, spesso arricchite da fluenti baffi e barbe”.
La mostra prosegue con una collezione di oltre 200 pezzi di ceramiche create dai ragazzi della Scuola fondata negli anni 80 dai ceramisti svizzeri Evelyne Porret e Michel Pastore, con l’intento di insegnare a bambini e adolescenti tecniche e utilizzo dei materiali locali, ispirandosi ai precetti del grande architetto egiziano Ramses Wissa Wassef.

Ramses, con cui Evelyne lavorò negli anni 60, fu il primo ad istituire atelier per i giovani contadini del proprio paese convinto che ogni essere umano nascesse artista ma che il talento potesse esprimersi solo se l’attività artistica fosse incoraggiata dalla prima infanzia attraverso la pratica del fare.

La natura, gli animali, il lavoro nei campi, la preghiera, il gioco: la vita che scorre veloce sulle ceramiche della Scuola di Evelyne si ferma nello sguardo fisso e intenso, a volte superbo a volte sereno, dei ritratti di Carlo Bevilacqua.

Gli occhi guidano chi varca questo spazio trasportandolo in un viaggio ricco di storia, misteri, visioni, suggestioni e memorie.

Inaugurazione: sabato 12 aprile 2014, ore 12,00/20,00
Brunch, tè, aperitivo

Ore 17,00
Dreidel in concerto
Marco Valabrega al violino, Marco Camboni al contrabasso, Gianluca Casadei alla fisarmonica.
Un percorso sonoro alla scoperta delle sonorità tipiche della tradizione nomade.

La mostra sarà visitabile fino al 3/5/2014. Orari: mar-sab 10-13.30/15.30-19.30 lun 15,30-19,30. Ingresso libero

Indirizzo: Zadig
Via del Pellegrino, 136 – Roma

Per info: 06 68134435

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...